ActiveCampaign

ActiveCampaign è progettato per qualcosa di più del marketing, ma è giusto per te?

ActiveCampaign, se credi all’hype sul suo sito Web, è il tuo sportello unico per tutto ciò che potresti desiderare in una piattaforma di marketing. C’è l’email marketing, ovviamente, ma c’è anche la messaggistica SMS, l’integrazione con i social media, il software di gestione delle relazioni con i clienti (CRM), l’automazione e le landing page. Diamine, c’è uno strumento progettato specificamente per l’esecuzione di offerte a tempo limitato.

In breve, ActiveCampaign vuole fare molto di più della posta elettronica. E lo fa. Ma lo fa davvero molto più di qualsiasi altro le migliori piattaforme di email marketing? Questa è una delle grandi domande. L’altro è, ovviamente, se ActiveCampaign è adatto a te e alla tua attività, in particolare.

A dire il vero, ritengo che ActiveCampaign non sia all’altezza dei suoi obiettivi autoimposti nel reparto one-stop-shop. Sebbene abbia alcune caratteristiche distintive, non ha cose come un costruttore di siti o un costruttore di negozi online, che troverai in servizi concorrenti come il (certamente inferiore) Contatto costante.

D’altro canto, Piani di marketing e automazione di ActiveCampaign viene caricato con funzionalità che potrebbero renderlo il servizio di accompagnamento perfetto per accompagnare l’infrastruttura esistente e gli strumenti di marketing. Sono andato sotto copertura per scoprire esattamente cosa c’è di così buono in ActiveCampaign. Mi sono registrato per un account a pagamento e ho testato ogni aspetto del servizio. Obiettivi autoimposti o no, ho scoperto che c’era molto da apprezzare.

Caratteristiche di ActiveCampaign

ActiveCampaign ha quasi tutto ciò che potresti chiedere

ActiveCampaign è fantastico, dal punto di vista delle funzionalità. Tutto ha funzionato bene nei miei test, emancava davvero poco. Ovviamente, ogni servizio che recensisco potrebbe essere un po’ più completo, ma ActiveCampaign ha solo un grosso difetto e un paio di minori. Ne parlerò di più di seguito.

Altrimenti, puoi aspettarti un’esperienza fluida, per lo più completa, e la piattaforma dovrebbe essere abbastanza facile da imparare. Ovviamente, dovrai conoscere le basi dell’e-mail/marketing online per ottenere il massimo da tutte queste funzionalità, ma questo sarà vero indipendentemente dalla piattaforma di marketing online che scegli.

Dedica un po’ di tempo, qualche ricerca e starai bene. C’è anche un enorme centro assistenza pieno di guide e tutorial per il tuo backup.

Campagne e-mail, modelli e personalizzazione

Ovviamente puoi inviare campagne e-mail (questa sarebbe una recensione molto più breve se non potessi). Inoltre, puoi vendere contemporaneamente alle persone tramite SMS, anche se dovrai avere il piano Plus almeno per quello.

Il social media marketing è realizzabile attraverso la miriade di app aggiuntive disponibili per tutti gli utenti di ActiveCampaign.

Le campagne e-mail sono disponibili in diverse varietà: Innanzitutto, hai le tue campagne e-mail standard. Basta progettare un’e-mail e inviarla al tuo elenco di contatti. Quindi, puoi creare campagne basate su processi automatizzati, creare autorisponditori, eseguire campagne di test divisi (A/B) (una specie di), inviare e-mail ogni volta che il tuo feed RSS viene aggiornato e creare campagne basate sulla data per compleanni, anniversari, ecc.

ActiveCampaign Campagne e-mail

Se non conosci ActiveCampaign, inizia con la campagna “Standard” come ho fatto io.

Ci sono oltre 125 modelli di email tra cui scegliere, ma puoi sempre iniziare da zero o, se lo desideri, usa un modello molto minimale. Se ti interessa assicurarti che il design corrisponda al tuo marchio nel miglior modo possibile, i punti di partenza quasi vuoti sono buoni.

Per quanto riguarda le opzioni più “disegnate”, tutte le opzioni tendono a essere piatte e moderniste. Sono design davvero semplici che non ti intralciano ma difficilmente stupiranno. Poi di nuovo, questa è e-mail. Vuoi che le persone leggano, non guardino con soggezione.

Oh, e tutti i modelli sono reattivi e ottimizzati per lo schermo mobile. Questo è un vantaggio decisivo.

Detto questo, se vuoi impazzire, puoi importare o creare modelli HTML personalizzati. Se ti interessa davvero la tua guida di stile, potresti pagare qualcuno per creare una serie di modelli di email solo per te.

modelli di attivecampagna

Con gli oltre 125 modelli di ActiveCampaign c’è molto da lavorare.

L’effettivo generatore/editor di e-mail è un semplice lavoro di trascinamento della selezione, con blocchi di contenuto predefiniti che possono essere aggiunti nell’ordine che preferisci. I colori sono facilmente personalizzabili, anche se i caratteri tendono ad essere limitati, in base al modello che hai scelto. Scegliere saggiamente.

Puoi aggiungere testo, immagini, pulsanti, video, collegamenti social, blocchi di codice HTML e persino un feed RSS alla tua e-mail, quindi hai opzioni. Puoi anche eseguire semplici modifiche, come il ritaglio, su qualsiasi immagine che carichi. Alcuni modelli vengono forniti con immagini stock, ma non esiste una libreria di immagini stock. È comunque meglio caricare le tue immagini per queste cose.

Note finali su questo: puoi impostare la larghezza dell’anteprima dell’e-mail per vedere come appare su diverse dimensioni dello schermo. Va bene. Tuttavia, il supporto per le lingue con scrittura da destra a sinistra (RTL) come l’ebraico e l’arabo è fortemente limitato. Funziona solo con blocchi HTML grezzi o modelli HTML personalizzati, quindi se vuoi usare quei linguaggi, è meglio che tu conosca un po’ di codice.

Non è del tutto un rompicapo, ma è un forte svantaggio per le aziende globali.

Editor di email di ActiveCampaign

L’editor di posta elettronica di ActiveCampaign è semplice e facile da usare.

Curiosità: quando gli abbonati fanno clic su un collegamento in un’e-mail, possono aggiungere tag alle informazioni di contatto o rimuoverli. Possono essere aggiunti a un elenco o rimossi da un elenco. Puoi anche aggiungerli ai flussi di lavoro di automazione (ne parleremo più avanti).

Il contenuto dell’e-mail può essere personalizzato in modo impressionante.È possibile utilizzare le variabili per visualizzare facilmente le informazioni relative al singolo utente. Quindi, invece di “Ciao, persona che si è iscritta alle e-mail”, puoi usare il suo vero nome nel tuo saluto. O almeno il nome che ti hanno dato.

Altre variabili che puoi utilizzare includono: l’indirizzo, il numero di telefono o l’indirizzo IP del contatto. Anche i pulsanti di condivisione dei social media sono inclusi in questa funzione per qualche motivo.

Esistono anche tag di visualizzazione condizionali, che ti consentono di mostrare o nascondere diversi blocchi di contenuto a seconda della persona a cui viene inviata l’e-mail. Puoi mostrare o nascondere i contenuti in base a tag, offerte a cui potrebbero essere interessati, quando si sono iscritti, dove si trovano o in quale elenco si trovano.

Il test A/B è disponibile, in modo estremamente limitato. Semplicementeput, il test A/B dovrebbe consentire di inviare una versione di un’e-mail a metà dei destinatari previsti e un’altra versione all’altra metà. Diciamo che uno ha una scrittura più formale e l’altro ha un testo in stile infomercial più roboante.

Quindi, puoi controllare le statistiche per vedere quale ha funzionato meglio. È facile come una torta, o facile come pulire le macchie di torta con Cleaninator 3000. (Ora mi chiedo se esiste davvero un prodotto con quel nome.)

Su ActiveCampaign, il test A/B è fondamentalmente limitato alle righe dell’oggetto e all’anteprima del testo delle tue e-mail. Vorrei che ci fosse di più, ma non c’è.

Mailing List e segmentazione

L’importazione e la gestione dei contatti è generalmente piuttosto semplice, ma è anche il punto in cui vediamo il primo grande difetto nel set di funzionalità di ActiveCampaign. Puoi digitare le informazioni di contatto manualmente, raccogliere informazioni di contatto tramite moduli, copiare e incollare molti contatti o, come ti aspetteresti, importare un file pieno di contatti. Va tutto bene, e tutte le cose che ti aspetteresti.

Leggi di più   ConvertKit: la nostra opinione 2022- Ti diciamo (davvero) TUTTO

Tuttavia, l’unico formato di file che puoi importare è CSV, che è un formato buono e comune, ma non è sufficiente. Quasi tutti i servizi di marketing online ti consentono di importare contatti da una varietà di formati. Oltre ai file CSV, ogni servizio come questo dovrebbe essere in grado di importare file XLSX (Microsoft Excel), che sono dannatamente standard nel settore.

Quindi sì, potrebbe non sembrare molto, ma per chiunque debba gestire un gran numero di contatti e passarli in giro in un team, la mancanza di supporto XLSX è un duro colpo.

Tuttavia, dove ActiveCampaign eccelle*, è ​​nell’importazione di contatti da servizi di terze parti. Le opzioni includono, ma non sono certamente limitate a: 123ContactForm, Asana, Basecamp, Eventbrite, Freshbooks, Contatti Google, Fogli di lavoro Google, PayPal, Zapier e Zoho CRM. Puoi anche importare contatti da software di database come MySQL e PostgreSQL.

Quindi tecnicamente, potresti caricare un file XLSX su Google Drive, convertirlo in un foglio di calcolo di Google e poi… beh, a dire il vero, sembra troppo lavoro extra.

* Eccelle? Prendilo? Perché… non importa.

Opzioni dell'addon ActiveCampaign

ActiveCampaign offre molte opzioni aggiuntive.

Gli elenchi di contatti sono abbastanza facili da creare, gestire e personalizzare.Puoi usarli per separare i tuoi contatti in gruppi facilmente individuabili e tenere traccia di chi vuole che tipo di email. Questi elenchi possono anche visualizzare e ordinare i contatti in base ai loro nomi, e-mail, numeri di telefono, account aziendali a cui potrebbero essere allegati e altro ancora.

Puoi anche creare campi personalizzati per memorizzare qualsiasi tipo di informazione che desideri su un contatto

Successivamente, diamo un’occhiata alla segmentazione.In sostanza, la segmentazione consente di creare elenchi di contatti che si aggiornano dinamicamente al variare delle condizioni. Ad esempio, se disponi di informazioni sulla posizione dei tuoi contatti, puoi creare un elenco di tutti i contatti in Germania che hanno interagito con le tue e-mail nell’ultimo anno. Quindi, quando qualcuno nuovo dalla Germania si registra e fa clic su un collegamento, l’elenco viene aggiornato.

Bene, la segmentazione è qui ed è integrata nella funzione di ricerca avanzata. Puoi semplicemente assemblare una ricerca avanzata con tutti i parametri che desideri e salvare quella ricerca in modo da potervi accedere quando vuoi.

E puoi cercare i tuoi contatti in base a qualsiasi cosa (o almeno a qualsiasi informazione che hai su di loro): nomi, tag, se sono in un elenco specifico, se hanno aperto un’e-mail nell’ultima settimana/mese/anno, o cliccato su un link specifico. Mescola e abbina questi parametri a tuo piacimento per trovare i contatti che desideri seguire o tracciare.

Semplici istruzioni logiche vengono utilizzate per trovare tipi specifici di contatti.

C’è anche una pratica funzione di pulizia dell’elenco, per assicurarti che i tuoi elenchi di contatti contengano solo persone che sono coinvolte con le tue email. In poche parole, hai un numero limitato di contatti a cui puoi inviare e-mail ogni mese. Perché sprecare soldi per persone che non vogliono quelle e-mail?

Con un semplice clic, puoi cancellare tutti i contatti che hanno annullato l’iscrizione, non hanno confermato le loro iscrizioni o hanno ricevuto e-mail di rimbalzo sul proprio account. Stranamente, puoi anche cancellare i lettori di posta elettronica attivi. Non sono sicuro del perché, ma sono sicuro che ci sia un caso d’uso da qualche parte.

Nota a margine: puoi impostare una data per cancellare i contatti che non hanno aperto una delle tue e-mail da un po’ di tempo. Quindi puoi ripulire la tua lista, ma dare comunque alle persone la possibilità di aprire magari email a cui non sono ancora arrivate. (Cosa? Posso essere terribile nel guardare le e-mail. A volte me ne dimentico.)

Infine, vogliamo dare un’occhiata agli elenchi di soppressione. Gli elenchi di soppressione sono elenchi in cui puoi inserire contatti a cui non desideri inviare e-mail, ad esempio persone che hanno annullato l’iscrizione, per assicurarti di non inviare loro e-mail accidentalmente in futuro.

Puoi aggiungere tu stesso persone a un elenco di eliminazione, ma alcune altre verranno aggiunte automaticamente, comprese le persone che annullano l’iscrizione e le persone che contrassegnano la tua email come spam con il loro provider di posta elettronica.

Per ovvi motivi di privacy e rispetto delle leggi, ActiveCampaign non ti dirà chi ha contrassegnato le tue e-mail come spam. È meglio se ti dimentichi di quelle persone e cerchi di rendere i contatti che hai ancora il più felici possibile.

Pagine di destinazione

C’è un generatore di pagine di destinazione e l’ho trovato abbastanza buono. Sfortunatamente, le pagine di destinazione sono disponibili solo sul piano Plus e versioni successive, anche se puoi provarle durante il tuo prova gratuita di ActiveCampaign.

Esistono oltre 40 modelli di pagina di destinazione e sono tutti piuttosto belli. Alcuni sono minimalisti, mentre altri sono molto più vivaci e fantasiosi. A dire il vero, Penso che i modelli di pagina di destinazione siano più avvincenti dei modelli di email.

40 modelli di landing page non sono molti, ma è sicuramente qualcosa con cui puoi lavorare.

Sebbene il generatore di pagine di destinazione abbia un aspetto piuttosto diverso dal generatore di e-mail, funzionano essenzialmente secondo lo stesso principio. Trascini e rilascia diversi blocchi di contenuto pre-progettati sulla pagina finché non sei felice. Sembra che ci sia una maggiore flessibilità di layout nel builder della pagina di destinazione, e questa è una buona cosa.

I design sono tutti mobile-responsive, anche se, ancora una volta, non sembra esserci alcun supporto per le lingue da destra a sinistra. Un po’ un peccato, ma non un affare per tutti.

pagina di destinazione di activecampaign

Se hai mai utilizzato un costruttore di siti Web come Wix o Squarespace, il costruttore di pagine di destinazione di ActiveCampaign sarà ancora più semplice.

Infine, un altro paio di cose positive: non ci sono limiti al numero di landing page che puoi creare. Vai avanti e fai una tonnellata.

Anche, puoi collegare il tuo dominio personalizzato, così le pagine di destinazione sembreranno parte del tuo sito web esistente. Avere queste pagine nello stesso dominio del tuo sito principale può fare molto per promuovere la fiducia e ridurre la confusione tra i tuoi contatti e clienti, quindi è un’ottima funzionalità.

Automazione

Automazione: una cosa meravigliosa e utile. Come? Bene, supponiamo che tu abbia due elenchi di contatti. Alcuni hanno firmato per offerte e altri per notizie del settore. E se volessi far conoscere il tuo affare a tutti gli utenti dell’elenco delle notizie del settore in modo discreto?

Bene, potresti dire: “Fai clic qui per compilare un altro modulo per ottenere le migliori offerte sui servizi nel settore della produzione di taco!” Ma ciò richiederebbe tempo e fastidio per il lettore. Molti abbandonerebbero il processo prima di leggere le parole “un’altra forma”. Quindi… non farlo. C’è un modo migliore.

Gli strumenti di automazione di ActiveCampaign ti consentono di definire facilmente un processo che avviene, beh, automaticamente. Ad esempio, potresti avere un link che dice: “Vuoi trovare le migliori offerte su guinzagli e altri articoli per passeggiate con i cani? Iscriviti subito!” Quest’ultima parte potrebbe anche essere un pulsante CTA.

Quindi, quel link porterebbe un utente a una pagina di destinazione che dice: “Grazie, ora otterrai le migliori offerte!” Nel frattempo, in ActiveCampaign, l’e-mail del lettore verrà copiata nel tuo elenco di persone che desiderano e-mail sulle offerte. Nel frattempo, potresti anche inviare un’e-mail di conferma automatica che dice: “È fantastico averti! Riceverai la tua prima email sulle offerte la prossima settimana. A proposito, se ti sei iscritto per errore, ecco come annullare l’iscrizione.

Tutto questo accade senza che tu muova un dito, purché tu abbia quel flusso di lavoro di automazione in atto. Vuoi un altro esempio? Ecco come appare un’e-mail di “promemoria per riacquistare azioni” nell’editor di automazione:

Flusso di lavoro di automazione di ActiveCampaign

Il flusso di lavoro di automazione di ActiveCampaign è tutto drag and drop. Roba facile.

Se non vuoi progettare un processo da zero, sono disponibili oltre 200 modelli di automazione (più duplicati in diverse lingue), tra cui: notifiche e-mail di carrello abbandonato, e-mail di follow-up mirate, tag dei clienti interessati a prodotti specifici e molto altro ancora.

Leggi di più   GetResponse Review - Quando (e quando non) usarlo

L’interfaccia di automazione è avanzata e flessibile. Puoi condividere le ricette di automazione con altri utenti di ActiveCampaign e importare anche le loro. Dato che in realtà esiste una comunità piuttosto grande per ActiveCampaign, questo può farti risparmiare un sacco di lavoro.

Va notato che alcune funzionalità come i flussi di lavoro di automazione che coinvolgono la messaggistica SMS sono bloccate dietro piani più costosi.

Caratteristiche aggiuntive di ActiveCampaign

Vorrei esaminare alcune delle funzionalità che non sono strettamente legate alla posta elettronica, ma comunque incredibilmente utili:

Per uno, c’è una funzione di chat dal vivo. Vale a dire, ActiveCampaign offre una chatbox dal vivo che puoi integrare nel tuo sito Web, per parlare con i tuoi potenziali clienti. Usalo per le vendite, l’assistenza clienti o qualsiasi altra cosa ti piace, e dovrebbe essere tutto abbastanza facile da monitorare con il…

Posta in arrivo unificata! Questa è una funzione che ti consente di tenere traccia di ogni interazione con ogni cliente, indipendentemente dal fatto che abbia risposto a una delle tue e-mail (a condizione che tu lo consenta) o abbia utilizzato la chat per contattarti.

Tieni presente che entrambe le funzionalità di cui sopra rientrano in “Conversazioni”, che in realtà è una funzionalità aggiuntiva per ActiveCampaign. In altre parole, dovrai pagarlo separatamente.

Ora, qualcosa per cui non devi pagare un extra è la libreria di componenti aggiuntivi e integrazioni di terze parti. Ci sono, vediamo, come metto questo…? Troppi di loro? Oltre 850 app aggiuntive sono troppe? Beh, non se trovi tutti quelli che vuoi, immagino.

Se utilizzi un servizio online popolare, probabilmente lo troverai qui nel mercato dell’app ActiveCampaign.

Queste app includono cose come Google Analytics, WordPress, Shopify, WooCommerce, AccessAlly, Airtable, GitLab, Hootsuite e un sacco di cui non ho mai sentito parlare. Amico, le persone che fanno servizi online per le imprese sono state impegnate.

Vedi l’elenco completo delle funzionalità

Consegnabilità

La tua email ha una possibilità migliore che decente di arrivare a destinazione

Quindi, alcuni sistemi di valutazione della consegna delle e-mail cercheranno di quantificare i risultati. Come in, ti diranno che ActiveCampaign (o qualsiasi altra azienda) ha un punteggio di consegna del 67% o qualcosa del genere.

Il fatto è che è più o meno impossibile testare tutte le variabili coinvolte nell’ottenere un’e-mail dal punto A al punto B. Sarebbe quasi più facile prevedere le probabilità che il tuo postino consegni bollette, annunci e coupon in tempo. (Quasi.)

Il meglio che chiunque può ragionevolmente fare (e questo è il nostro approccio qui a Website Planet) è esaminare alcune caratteristiche di base che possono aiutarti a migliorare le tue probabilità. Il punteggio in fondo a questa sezione non è una valutazione della deliverability, ma solo una misura del confronto tra le funzionalità di ActiveCampaign e quelle di altri servizi.

Innanzitutto, controlliamo se esiste un modo semplice per utilizzare l’autenticazione DKIM. Bene, salterò le chiacchiere da nerd e dico solo questo: implica la crittografia ed è usata per aiutare i servizi che ricevono le tue e-mail a sapere che la tua e-mail proviene da te. Non è una garanzia che le tue e-mail vengano inviate, ma può aiutarti.

ActiveCampaign ha l’autenticazione DKIM e c’è una guida semplice che puoi seguire nel Centro assistenza. Se hai il tuo nome di dominio, ti consiglio vivamente di usare questo metodo per aumentare le tue probabilità di ricevere la posta.

Oltre a questa guida all’autenticazione DKIM, il Centro assistenza di ActiveCampaign è ricco di informazioni utili e facile da seguire.

Successivamente, esaminiamo la politica anti-spam. Le campagne e-mail di marketing a cui le persone si sono iscritte sono una cosa. Lo spam diretto è un altro. Qualsiasi piattaforma di email marketing che consenta agli spammer di prosperare ti costerà affari perché quegli spammer faranno sembrare pessime anche le tue e-mail.

ActiveCampaign prende lo spam abbastanza sul serio, ma forse potrebbe essere un po’ più duro. Vedrai cosa intendo. La politica di base è in realtà piuttosto eccezionale:

  • Tutti gli iscritti/contatti devono essere iscritti. Come in, tutti devono aver acconsentito a ricevere le tue e-mail.
  • Il tuo account SARÀ penalizzato o chiuso se vieni sorpreso a inviare spam.
  • Gli account possono essere sottoposti a revisione per avere una frequenza di rimbalzo troppo alta, un alto tasso di annullamento dell’iscrizione e, naturalmente, un alto tasso di reclami.

In pratica, potrebbero esserci più salvaguardie in anticipo, prima che qualcuno inizi a inviare e-mail. Uno dei test che eseguo su ogni servizio è un semplice test di filtro. Cioè, carico le e-mail di una tonnellata di spammer noti e indirizzi generalmente sospetti, per vedere se quegli indirizzi vengono rifiutati.

Ai concorrenti piace Ottieni una risposta hanno superato questo test di filtro. ActiveCampaign, mi dispiace dirlo, non l’ha fatto. Sono stato in grado di importare queste e-mail di spam senza problemi.

Ora, che ne dici di marketing di affiliazione? Alcuni servizi di posta elettronica ti consentono di collegarti a prodotti di altre persone come parte di un programma di affiliazione, mentre altri bloccano direttamente l’invio di tali e-mail. O almeno metti sotto controllo il tuo account. Dove si colloca ActiveCampaign su questo?

In poche parole, i link di affiliazione sono consentiti, con alcune restrizioni:

  • Non puoi utilizzare ActiveCampaign per eseguire i tuoi programmi di affiliazione.
  • I collegamenti di affiliazione, secondo le linee guida, non dovrebbero essere l’obiettivo principale dell’e-mail.
  • Non puoi inviare email con il solo scopo di promuovere un prodotto o servizio che non è tuo.
  • Nessun programma per arricchirsi velocemente o per fare soldi da casa. Non importa se includi un link di affiliazione o meno. Questa è una regola che condivido pienamente.

Infine, per questo set di funzionalità, puoi ottenere un indirizzo IP privato (AKA dedicato) da cui inviare le tue e-mail. Una specie di. Quindi, in teoria, ecco come funziona: se le tue e-mail provengono dallo stesso indirizzo IP dello spam, l’intero indirizzo IP potrebbe essere segnalato dai provider di posta elettronica. Ciò significa che le tue e-mail vanno nel vuoto insieme allo spam puro.

Inoltre, quando le e-mail provengono sempre dallo stesso indirizzo IP (o intervallo di indirizzi IP), ciò segnala ai servizi che ricevono e-mail che è più affidabile. Per lo meno, è più probabile che tutte le email della tua azienda provengano effettivamente dalla tua azienda.

In questo modo, quando un’e-mail che dovrebbe provenire da te viene inviata da un indirizzo IP diverso, Gmail (o qualsiasi azienda) sa che è probabile che sia spam. Non è strettamente necessario acquistare il proprio IP dedicato. Tutte le grandi società di posta elettronica dispongono di propri indirizzi IP relativamente affidabili.

Ma avere un IP dedicato può aiutare le tue e-mail a passare. Ecco perché è alquanto fastidioso che la maggior parte dei clienti di ActiveCampaign probabilmente non ne riceverà mai uno. Vedi, gli IP dedicati sono disponibili per l’acquisto da ActiveCampaign, ma solo se hai 100.000 contatti attivati ​​e regolarmente coinvolti. Ciò significa che sei letteralmente un cliente aziendale, pagando prezzi superiori a quelli elencati nella pagina dei prezzi di ActiveCampaign.

A quel punto, potresti anche avere il tuo server, completo di IP dedicato, e solo che qualcuno gestisca una piattaforma di email marketing self-hosted per te. Potrebbe essere più economico.

Vedi tutte le funzionalità di consegna

Analisi e reportistica di ActiveCampaign

ActiveCampaign ha statistiche e rapporti piuttosto dettagliati

Le statistiche sono uno dei capisaldi del marketing. Gli altri sono, presumibilmente, una conoscenza generale delle cose che le persone vogliono comprare, la capacità di scrivere in un inglese semplice (o qualunque lingua tu stia usando) e una serie di acronimi che solo gli addetti ai lavori capiscono.

Leggi di più   Sendinblue Review 2022: Facile da usare, ma è abbastanza?

Ma ora dobbiamo guardare i numeri. La migliore analisi delle e-mail ti aiuterà a capire chi sta rispondendo meglio alle tue campagne e-mail e come puoi ripetere i tuoi successi. Ti aiutano anche a capire cosa non funziona, così puoi provare qualcos’altro.

In poche parole, hai bisogno dei numeri. Più è dettagliato, meglio è.

Bene, ActiveCampaign genera report su campagne e-mail, flussi di lavoro di automazione, contatti e persino obiettivi auto-definiti. Esatto, puoi impostare obiettivi nell’interfaccia di amministrazione e ottenere rapporti sul fatto che li hai raggiunti.

I rapporti sulla campagna e-mail ti diranno non solo quante persone hanno aperto le tue e-mail e fatto clic sui collegamenti in esse contenuti, ma quanti hanno inoltrato le tue e-mail, annullato l’iscrizione o qualsiasi altra cosa. E, soprattutto, ti diranno chi ha aperto le tue email, chi ha cliccato sui link e così via.

Questo è il tipo di informazioni di cui hai bisogno per trarre spunti e creare una strategia.

I numeri del rapporto sono piccoli perché la dimensione del mio campione è piccola.

Ora, se vuoi suddividere quei risultati in base alla provenienza dei tuoi contatti, ad esempio, dovrai aver raccolto in anticipo la posizione di tutti i tuoi contatti. Quel tipo di informazioni non appare magicamente solo nelle tue analisi.

Detto questo, ActiveCampaign può mostrare e mostra le tendenze di coinvolgimento giornaliere e orarie. Vuoi sapere a che ora del giorno le persone aprono effettivamente le tue e-mail e fanno clic sui collegamenti? Bene, ecco qua.

Queste informazioni possono aiutarti a determinare quando inviare le tue e-mail.

Sono abbastanza soddisfatto dei rapporti e delle analisi in generale. Ci sono abbastanza dettagli e approfondimenti con cui lavorare… o almeno per iniziare. Per le cose davvero dettagliate, dovrai scoprire attivamente di più sui tuoi clienti.

Ma ehi, questo è Marketing 101, vero?

Vedi tutte le funzionalità di analisi

Supporto

Il supporto è rapido e per lo più utile, anche al di fuori dell’orario di lavoro

Quindi sono il tipo di persona che scrive nel cuore della notte perché il mio cervello traditore ha deciso che questo è il momento migliore per fare un lavoro creativo. Pertanto, ho avuto l’opportunità di testare il team di supporto di ActiveCampaign al meglio e al “peggiore”.

Metto le virgolette intorno al “peggiore” per una ragione. Anche se non tutte le risposte che ho ricevuto sono state del tutto soddisfacenti per me, il personale ha risposto rapidamente e ha fatto del proprio meglio per essere d’aiuto. Difficilmente posso lamentarmi.

I principali canali di supporto sono telefono, chat dal vivo ed e-mail. Ora, ho dovuto cercare nella base di conoscenza per capire quale fosse il programma per la chat dal vivo e non ho ancora trovato gli orari esatti per il supporto telefonico (quindi li ho chiamati e ho chiesto).

Ad ogni modo, il supporto e-mail è disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e la chat dal vivo è disponibile su:

  • Dal lunedì al giovedì dalle 8:00 alle 23:00, ora solare centrale
  • Venerdì dalle 8:00 alle 18:00, ora solare centrale

L’assistenza telefonica è dalle 8:00 alle 17:00. Ancora una volta, è l’ora centrale.

Oltre a questi canali di supporto primari, c’è una base di conoscenza piuttosto approfondita. C’è un “Centro di formazione” con corsi completi su come utilizzare ActiveCampaign e poi c’è il supporto della comunità. Amo un buon forum web classico.

Comunque, ecco come è andata la mia esperienza:

Chat dal vivo

Ho scritto specificamente per chiedere: “Sarebbe possibile ottenere il supporto della lingua RTL (ad esempio arabo o ebraico) nelle campagne e-mail con un modello HTML personalizzato?”

Beh, ci voleva un po’ più di spiegazione, ma l’intera interazione è durata meno di dieci minuti e ho ottenuto la risposta che speravo: Sì, puoi utilizzare un modello HTML personalizzato per supportare le lingue RTL.

Roba buona.

Dove c’è codice HTML grezzo, c’è un modo. Mi piace che l’agente di supporto di ActiveCampaign sia stato in grado di confermare che avrebbe funzionato.

Telefono

Quindi, onestamente, ho chiamato per chiedere di un bug apparente nella pagina dei prezzi.Vedi, c’è un dispositivo di scorrimento che ti consente di dire quanti contatti hai e i prezzi dei piani cambiano per tenere conto delle dimensioni del tuo elenco di contatti. Tuttavia, quando sposti quel cursore abbastanza in alto, smette semplicemente di mostrare i prezzi. Così:

Bene, non è affatto confuso. Potrebbe utilizzare un pulsante “Chiedi al team di vendita”.

Bene, ho chiamato l’assistenza come prima cosa domattina. Hanno risposto rapidamente e ho ricevuto la mia risposta molto velocemente. In poche parole, quei prezzi in bianco significano: “Chiama il team di vendita, perché qui siamo ben oltre gli ‘cursori'”. O, per dirla in modo più tecnico, a quel livello, il prezzo deve essere più flessibile in base a ciò che desideri.

L’agente con cui ho parlato è stato gentile e disponibile e l’intera esperienza è stata fluida. Niente di cui lamentarsi qui.

E-mail

Ho inviato un’e-mail tramite il modulo sul sito (molto tarda notte), chiedendo se c’era un modo per costruire un sito web con il page builder. Come in, posso allegare il mio dominio, designare una pagina come mia “homepage” e andare da lì?

La risposta è stata utile in qualche modo, ma nel complesso inconcludente. In particolare, la tecnologia non ha mai risposto alla domanda sulla designazione di una home page per creare un sito Web adeguato. Questo mi porta a credere che non sia del tutto possibile.

Vorrei solo che la risposta fosse stata un po’ più chiara.

La risposta via e-mail era informativa, ma avrebbe potuto rispondere alla mia domanda precisa in modo più diretto.

Prezzo di ActiveCampaign

I prezzi potrebbero essere più economici, ma non sono neanche male

Esistono diversi piani, che variano in base a quanti contatti desideri inviare e-mail. I piani partono da 500 contatti (per $ 9 al mese se paghi annualmente, o $ 15 se paghi mensilmente) e arrivano fino a 100.000 contatti (per molto di più).

Ottieni uno sconto del 40% sul piano Lite di ActiveCampaign

Risparmia il 40% quando ti iscrivi al piano annuale di ActiveCampaign

648 utenti hanno utilizzato questo coupon!

I piani più economici di ActiveCampaign sono piuttosto economici e hanno un buon rapporto qualità-prezzo per le funzionalità che puoi ottenere: abbiamo fatto un tuffo in profondità Prezzi di ActiveCampaign se sei veramente interessato Tuttavia, una volta che l’elenco dei contatti inizia ad espandersi, è meglio che guadagni dalle tue campagne e-mail, perché quei piani di livello superiore sono davvero costosi. In effetti, sui piani più costosi, il sito Web potrebbe non mostrarti nemmeno i prezzi. Dovrai parlare direttamente con le vendite di spendere quel tipo di denaro.

Detto questo, c’è un 14 giorni di prova gratuita, nessuna carta di credito richiesta. Puoi valutare la maggior parte delle funzionalità a tuo piacimento, purché il tuo tempo libero duri solo circa due settimane.

A fine giornata non sono previsti rimborsi.

Puoi pagare mensilmente tramite MasterCard, Visa o American Express. Se paghi il prezzo annuale, puoi anche pagare con PayPal, bonifico bancario o assegno.

Di Redazione: Vincenzo Danna

Sviluppatore informatico freelance e web writer SEO, Vincenzo Dani produce regolarmente contenuti per il blog e il forum www.abruzzoscuoladigitale.it. La qualità del suo lavoro e l'unicità del suo background ci hanno spinto a presentarlo a voi.