servizio clienti AI

Servizio clienti AI

Ogni volta che si sentono previsioni del settore si dice che “l’esperienza del cliente sarà il fattore di differenziazione per i marchi in futuro”. Sono d’accordo con loro. È sempre più difficile ritagliarsi una quota di mercato in base al prezzo o alle caratteristiche del prodotto, ed è per questo che gli strumenti basati sull’intelligenza artificiale che collegano i dati tra i vari dipartimenti e generano informazioni significative per i team di marketing e sviluppo saranno così importanti.

Essere in grado di ottimizzare i momenti cruciali dell’interazione con i clienti di una compania come smodin english e orchestrare il viaggio in modo da creare livelli di soddisfazione più elevati per tutti è la chiave per sbloccare il successo a lungo termine. E questo sarà più evidente che nei canali di assistenza ai clienti.

Leggi tutto di Jason CottrellCosa ci dice l’ascesa dei chatbot della moda sul ruolo dell’intelligenza artificiale nelle nuove esperienze

Comfort del cliente con la tecnologia AI

Il servizio clienti AI ha sempre svolto un ruolo importante per i marchi, soprattutto nel passaggio da un cliente che acquista una sola volta a uno che ritorna. Nell’era digitale, quando le esperienze sono più frammentate, il passaggio dall’acquisizione alla fidelizzazione richiede un’attenzione ancora maggiore al supporto post-transazione rispetto al passato.

Nell’ultimo anno, la vendita al dettaglio ha avuto la sua parte di scossoni e molti marchi si sono rivolti a tecnologie nuove e inedite per affrontare le sfide. Ma mentre la polvere si deposita su 12 mesi imprevedibili, iniziamo a capire dove le tecnologie come l’IA possono e devono giocare un ruolo più importante, e dove invece non dovrebbero.

Il comfort dei consumatori nei confronti delle tecnologie nuove ed emergenti può essere un forte indicatore della direzione che stanno prendendo le tendenze tecnologiche e di quali avranno successo. In un recente studio che abbiamo condotto, abbiamo notato una forte tendenza all’esitazione dei consumatori nei confronti delle esperienze completamente autonome. Gli intervistati non erano interessati a un’esperienza completamente autonoma in cui l’intelligenza artificiale prendesse completamente le redini.

La falsa scienza sta creando una crisi reale e l’intelligenza artificiale la sta peggiorando

Erano invece interessati a tecnologie in grado di supportarli nella navigazione delle esperienze stesse.

Questo è un aspetto di cui i rivenditori possono (e devono) tenere conto quando esplorano i modi per migliorare l’esperienza dei clienti attraverso un servizio migliore.

La tecnologia alimentata dall’intelligenza artificiale è una strada potente per aiutare i clienti a risolvere i problemi attuali e, poiché si occupa di problemi e preoccupazioni del momento, il servizio clienti AI è il luogo perfetto per utilizzare gli strumenti dell’intelligenza artificiale. Prendete qdomande come:

  • Come posso sostituirlo con una taglia diversa?
  • Perché il mio ordine non è ancora arrivato?
  • Dove posso trovare il manuale di istruzioni di questo modello?

Si tratta di unsono tutti abbastanza semplici da gestire. Ma inserendo l’intelligenza artificiale nei meccanismi di risposta, è possibile apportare miglioramenti significativi alle esperienze individuali dei clienti ogni giorno.

servizio clienti AI

Portare il servizio clienti AI al livello successivo con l’intelligenza artificiale

Attualmente, i sistemi progettati per gestire qualche centinaio di problemi alla settimana faticano a tenere il passo con migliaia di richieste. Qualsiasi azienda il cui canale digitale sia cresciuto di da due a quattro volte (o più) nell’ultimo anno (che sarà un numero molto alto di aziende) avrebbero avuto questa esperienza.

Un importante cliente del settore retail con cui lavoriamo ha riscontrato esattamente questo problema l’anno scorso. Le soluzioni tecnologiche implementate per gestire i problemi del servizio clienti AI erano destinate a servire una quantità prevista di consumatori digitali, e la pandemia dell’anno scorso ha visto questi numeri salire alle stelle.

Un chatbot AI non solo potrebbe gestire domande come quelle sopra citate in modo più rapido e accurato di quanto siamo in grado di fare oggi, ma potrebbe anche supportare esperienze migliori per i clienti.

Utilizzando i dati raccolti dalle interazioni con il chatbot di intelligenza artificiale, si potrebbe identificare il punto del percorso del cliente in cui si verificano i problemi e la loro natura, il che consentirebbe di prevenire l’insorgere di determinate problematiche.

In questo modo non solo si migliora direttamente l’esperienza dei clienti, ma si libera anche il team del servizio clienti AI per concentrarsi su problemi che non sono così facilmente gestibili dagli algoritmi e che richiedono il tocco abile e personale di un agente in carne e ossa.

Molto rapidamente, l’automazione e le profonde intuizioni tratte dai motori di dati alimentati dall’intelligenza artificiale possono migliorare l’esperienza del servizio clienti AI quando si tratta di affrontare i problemi e rispondere alle preoccupazioni dei clienti. Ma l’IA non è solo in grado di risolvere i problemi: questi stessi strumenti possono anche influenzare la coda lunga delle vendite che il flusso del servizio clienti consente di realizzare.

Il servizio clienti svolge un ruolo significativo nelle prime fasi dell’imbuto di richiesta del prodotto.

Essere in grado di rispondere alle richieste con raccomandazioni contestualmente pertinenti e approfondimenti significativi sui vantaggi di un prodotto o di un servizio può essere uno strumento potente per creare un’impressione duratura con i consumatori e per chiudere le vendite.

Oggi esistono sul mercato strumenti di intelligenza artificiale in grado di supportare la ricerca e la scoperta dei prodotti con potenti integrazioni di intelligenza artificiale visiva e di elaborazione del linguaggio naturale (NLP). Identificando le caratteristiche (blu, button-down, manica lunga) di un prodotto che un cliente sta sfogliando (in questo caso, una camicia), gli algoritmi possono fornire un carosello di articoli simili tra cui scegliere per aiutare i clienti a trovare la migliore corrispondenza tra i prodotti.

Ancora più coinvolgente, una funzione di ricerca con fotocamera di grande effetto consentirebbe ai clienti di caricare le proprie immagini e trovare articoli simili sul sito web.

Per esempio, Syte, che utilizziamo per alcuni dei nostri principali clienti del settore retail, ha una funzione che utilizza l’intelligenza artificiale visiva per identificare le somiglianze tra i prodotti e formulare raccomandazioni.

Queste opportunità di entrare in contatto con i clienti e migliorare le loro esperienze di acquisto fanno parte di un più ampio sforzo di servizio al cliente, rispondendo alle esigenze e ai desideri dei consumatori con la stessa competenza di un consulente in negozio, ma con la velocità e l’efficienza che gli strumenti digitali possono consentire.

Per saperne di più sui contributi dei nostri espertiLuci, telecamera, intelligenza artificiale: come abbiamo realizzato un film con una sceneggiatura scritta dall’intelligenza artificiale u con 3 principi guida dell’IA.

L’intelligenza artificiale può consentire esperienze differenzianti per il mercato

L’esperienza del cliente è end-to-end, il che significa che i clienti non valutano prodotti e servizi solo in un momento. I marchi sono costruiti su milioni di momenti di interazione, e molte delle interazioni più cruciali sono quelle nel flusso del servizio clienti AI. Sfruttare la potenza dell’intelligenza artificiale attraverso le interazioni del servizio clienti AI significa far emergere nuove opportunità per migliorare l’imbuto di vendita, sia direttamente che indirettamente.

Introducendo l’IA nel flusso del servizio clienti AI, che si tratti di chatbot automatizzati, canali di ricerca e scoperta visiva o persino esperienze di acquisto immersive o personalizzate, sarete in grado di creare il tipo di esperienze che differenziano il mercato e che garantiranno la crescita del marchio a lungo termine.

Di Redazione: Vincenzo Danna

Sviluppatore informatico freelance e web writer SEO, Vincenzo Dani produce regolarmente contenuti per il blog e il forum www.abruzzoscuoladigitale.it. La qualità del suo lavoro e l'unicità del suo background ci hanno spinto a presentarlo a voi.